home anfy composizioni immagini   sunset disegni maya  nostre radici   disegni grafici   fotografiche    fotografiche1

cities   face to face  digitalart  nuovo mondo   artistiuniti  l'occhio-libero   jewel   bianconero  preferiti

ARTISTIUNITI 

carrara-acc-belle-arti-ftgio.JPG (109804 byte) carrara2-acc-belle-arti.JPG (108599 byte)

ARTINFORMAZIONE 2 

Nell'ambito del progetto "Artinformazione2" (supportato da Accademia di Belle Arti di Carrara, Regione Toscana, TRA ART, Porto Franco, Ministero dell'Istruzione Università e Ricerca, Provincia di Massa Carrara, Fondazione Cassa di Risparmio di Massa Carrara, APT Massa e Carrara), si è tenuto un convegno,  il 28 e 29 luglio 2005, presso l'Accademia di Belle Arti di Carrara, organizzato dal Prof. Tommaso Tozzi sul tema:  

"Storie dell'arte delle reti soggetti, luoghi, eventi, tecnologie e teorie".

Sono intervenuti artisti internazionali che hanno discusso, sulla base delle loro esperienze, delle innovazioni di natura culturale oltre che sociale che hanno accompagnato l'utilizzo in campo artistico delle nuove tecnologie.  Concetti chiave, originatisi negli anni Sessanta, quali interdisciplinarietà, indeterminazione, trasformazione, decentramento e interazione sono stati le basi dell'agire artistico di coloro che hanno usato le reti telematiche per progettare nuovi mondi o criticare quelli esistenti.  

Coordinatore del Dipartimento di Arti Multimediali, Accademia di Belle Arti di Carrara - Firenze, Italia TOMMASO TOZZI;

Intervenuti

ENRICO PEDRINI - critico - Genova, Italia

LUCA TOSCHI - Presidente del Corso di Laurea Specialistica in Teorie della Comunicazione - Università degli Studi di Firenze, Italia

ARTURO DI CORINTO - Docente di psicologia della Comunicazione on-line - Accademia di Belle Arti di Carrara - Roma - Italia

ALESSANDRO LUDOVICO - critico dei nuovi media - Neural.it - Bari, Italia

Artisti

aula-magna-acc-belle-arti-ftgio.JPG (70851 byte)aula-magna1-acc-belle-arti-ftgio.JPG (75604 byte)

ROBERT ADRIAN - Vienna, Austria

HANS BERNHARD - Ubermorgen, Etoy holding - Vienna, Austria

STEVEN KOVATS - Direttore artistico - V2 - Rotterdam, Olanda

CORNELIA SOLLFRANK - Old Boys Network - Amburgo,Germania



               GRUPPO ZOONE               

gruppozoone0-na.jpg (55371 byte)

gruppozoone1-na.jpg (38473 byte)

gruppozoone2-na.jpg (52456 byte)

 

Artisti impegnati in attività sociali

Il Gruppo Zoone si forma all'interno del Centro Diurno U.O.S.M. del Distretto 48 dell'ASL NA/1 in integrazione con la Cooperativa Sociale ALISEI da un progetto riabilitativo di educazione all'immagine.

 Gruppo Zoone, combinazione di due termini, che tiene in conto la dimensione di periferia-urbana e quella di territorio-zona interna di ognuno di noi. 

Nasce per noi artisti la necessità di formare un gruppo coinvolgendo persone con disagi  in attività laboratoriali:   pittura,  ceramica, scultura... e dare una risposta ad una realtà deprivante della periferia di Napoli (Scampia-Piscinola).  L'attività di laboratorio, nel suo percorso di crescita, si definisce  sempre di più in una ricerca sull'arte e lo stato emotivo..

Alla realizzazione manuale delle opere concorrono molti fattori; a volte un gesto istintivo o un semplice tratto suggerisce sviluppi imprevedibili, dalla sua estemporaneità si sviluppa la forma... Essere se stessi ..momenti didattici più importanti insiti nell'agire tramite segni e colori, nel tentativo di esternare creativamente  la propria individualità e di gruppo.         

(Trainer laboratorio immagine: Massimo Fadda,  Giovanni Chianese, Anna Martucci, Gaetano Gaeta, Gennaro Muto, Marcello Turittu, Raffaele Schisano, Stefania Romano).


Il Direttore del Distretto 48 ASL NA/1 scrive: "Giocare per curarsi"

 Dopo 30 anni di lavoro psichiatrico è possibile, per chi come me li ha vissuti tutti e non da spettatore, riconoscere le buone prassi, capirle e sentirle emotivamente. Ciò nonostante l'iniziativa "GruppoZoone" che ha concretamente prodotto alcune opere pittoriche in grado di suscitare curiosità o stupore e talvolta ammirazione, mi ha inizialmente trovato dubbioso ed incredulo. Sono stato preso dal dubbio che i pazienti che vi hanno partecipato fossero stati un "riempitivo" della creatività di qualche operatore. Ho anche indagato per capire la fondatezza dei miei dubbi. Alla fine ho capito che essi più che infondati erano inutili.

Capire chi aveva pensato un'opera e chi aveva usato gli strumenti dell'espressione pittorica era poco importante. Contava molto "sentire" che intorno a questo strumento espressivo era nato una sorta di "gioco", in senso Winnicottiano, uno spazio transizionale che non era né tutta la realtà né soltanto il prodotto della fantasia e che questo spazio era stato ed è tuttora, effettivamente occupato ed investito da un discreto numero di pazienti; che attraverso questo "gioco" ....il paziente riapprende, almeno in parte, il difficile mestiere di vivere. E lo psichiatra, curioso e miscredente, fa un opportuno bagno d'umiltà, sicura garanzia di "sapienza".             

(Prof. G. Mattioli)

 


   Piano Vetrale 

Comune di Orria  ( SA)

 

Ecco un esempio di come gli artisti possono, se uniti, valorizzare e attrarre l'attenzione di turisti, sensibilizzando l'amministrazione locale, dando ad un paese del Cilento una possibilità di crescita economica, sociale, culturale.

 

                                                                

02/01/2007